ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Gallerie private

Riordina Click sui quadri per portarli in primo piano

mostra Lorcan ONeill David Dowson
mostra Lorcan ONeill David Dowson
mostra Lorcan ONeill David Dowson
mostra Lorcan ONeill David Dowson

David Dawson - Landscapes And Waterfalls

arte contempranea

Galleria Lorcan O'Neill dal 21/06/2024 al 21/09/2024

David Dawson (1960) dipinge grandi paesaggi esuberanti della campagna natale del Galles. Pieni di luce solare e pieni di verde primaverile, oppure nuvolosi e senza foglie, coperti di neve, questi dipinti esaltano lo splendore del mondo naturale. Registrando il dramma delle diverse stagioni, le tele di Dawson iniziano all'aperto e vengono completate nello studio di Londra. Il suo profondo legame con la terra, il suo amore per gli animali e la sensibilità per l'allevamento - pecore e mucche diventano tutt'uno con la terra in queste immagini - e il suo stupore per il ciclo senza tempo delle stagioni sono tutti profondamente evidenti in questi gioiosi e ampi dipinti.   dettagli David Dawson

Gallerie private d'arte contemporanea

mostra T293 BelleDeNuit

05/07/2024 - 14/09/2024Arte contemporanea

Belle De Nuit, Also On View: William Pilè

La ricerca artistica di William Pilè, nato a Roma nel 1988, si concentra sull'analisi della periferia intesa come concetto di distanziamento e decentramento sia dal punto di vista sociale che urbanistico. In Italia i primi artisti ad interessarsi a questo tema, e a coloro che lo popolano, furono Umberto Boccioni e Mario Sironi all'inizio del Novecento, periodo in cui le città stavano assumendo i connotati di metropoli per l'affermarsi della Era industriale e aumento demografico.  
  dettagli

mostra T293 YetALwaysBlooming

05/06/2024 - 14/09/2024Arte contemporanea

Yet Always Blooming, Effie Wanyi Li

La mostra "Yet Always Blooming" esplora le interconnessioni tra stati mentali, sensazioni corporee e ambiente esterno, documentando la ricerca di Effie Wanyi Li (Cina, 1995) condotta attraverso sottili percezioni corporee ed esperienze emotive. Nella sua pratica pittorica, Effie Wanyi Li si sforza di percepire sottili sensazioni corporee ed esperienze emotive, traducendole in uno spazio visivo. Vi entra sotto forma di coscienza, facendo emergere diverse condizioni spaziali e diversi paesaggi vissuti da diverse distanze e prospettive. A seconda dell'intensità delle esperienze emotive, la prospettiva della sua pittura cambia continuamente. Quando le emozioni sono particolarmente intense, le risposte del corpo vengono facilmente innescate, avvicinando la sua prospettiva di osservazione al nucleo interiore.  
  dettagli Effie Wanyi Li Effie Wanyi Li

mostra BasileContemporary RobertaMorsetti

13/06/2024 - 30/07/2024Arte contemporanea

6_24 - di Roberta Morzetti

All’interno della galleria romana verranno esposte 15 opere scultoree che chiamano alla mente forme umane, simboli e immagini, le quali rappresentano un ponte metaforico tra l’io vissuto più profondo e la forza evocativa di una bellezza che non mira ad avere compiacimento, ma a stimolare riflessioni e suggestioni, amplificate da costanti riferimenti mitologici. Roberta Morzetti indaga sul vissuto dell’essere umano, dando vita ad un’esposizione che si presenta come un vero e proprio percorso di consapevolezza alla scoperta della propria bellezza interiore: da qui il titolo “6_24”, con il numero sei che indica l’essere più profondo, da scovare dentro di noi e con il quale connettersi. Esiste uno stretto rapporto tra l’artista e “l’essere” inteso come capacità percettiva del nostro corpo, la cui pelle rappresenta il confine tra il dentro e il fuori: è la pelle a ricevere frequenze e vibrazioni e a comunicare sensazioni che si trasformano in emozioni. Il profondo rapporto con l’interiorità che spinge l’artista a scavare nella propria anima nasconde un importante messaggio contro la superficialità e la ricerca ossessiva della perfezione esteriore, che alimentano la vanità e la fame di consenso, ostacoli alla vera libertà.  
  dettagli

mostra GalleriaGallerati FlaviaBigi

11/06/2024 - 10/09/2024Arte contemporanea

Come As You Are - Flavia Bigi

Come As You Are è un cammino lungo le stagioni dell’infanzia e delle relazioni, in un sovrapporsi di sguardi familiari, di paradigmi immaginali che filtrano il tempo della rimemorazione. Disegni acquerellati su carta e limpide sculture divengono inafferrabili e labili presenze di una intima affettuosità, tornando alla coscienza per epifania improvvisa, come scorci di realtà e atmosfere vissute o come miraggi della mente e desideri scalfiti, che riannodano i frammenti di legami perduti e compongono un frasario relazionale. L’artista conduce l’osservatore nel territorio di una evocazione visiva, in istanti di un altrove privo di paesaggio, in solchi lessicali delineati nell’opalescenza materica, che si evidenziano come richiami di un’esistenza sottratta al tempo, come risonanze di una storia personale e collettiva, velata dalla nostalgia.  
  dettagli Flavia Bigi Flavia Bigi

mostra ArteBorgo SilvioNatali

06/06/2024 - 30/07/2024Arte contemporanea

La Casa del Poeta

Creazioni pittoriche come mezzo incisivo di forme idilliache tra cui l’opera che dà il titolo alla mostra. Silvio Natali trasforma eventi, storie, emozioni in esperienze espressive straordinarie, opere attraverso le quali l’autore manifesta l’attimo effimero in cui fissa nei pensieri situazioni e immagini che diventano visive espressioni poetiche. Una mostra, dunque, che racchiude in sintesi il suo percorso artistico orientato ad una correlazione tra rappresentazione e poesia in cui l’artista affronta anche tematiche vicine ad ognuno di noi, come ad esempio ben rappresentato nelle opere Scena muta e In Ansiosa attesa.  
  dettagli

mostra RossoCinabro TakeALook

03/06/2024 - 15/07/2024Arte contemporanea

Take a Look

Take a Look offre un'occasione unica per scoprire nuovi talenti e apprezzare la diversità della produzione artistica contemporanea. La mostra invita il pubblico a "dare un'occhiata" al mondo che ci circonda attraverso la lente degli artisti, stimolando la riflessione e il dialogo. Cristina Madini afferma: "Take a Look è una mostra che celebra la creatività e l'innovazione nell'arte contemporanea. Gli artisti in mostra ci offrono una visione unica del mondo, invitandoci a guardare oltre le apparenze e a riflettere su questioni importanti del nostro tempo."  
  dettagli

mostra MacMaja Fosca

30/05/2024 - 20/07/2024Arte contemporanea

Fosca - Cara Luna

La fascinazione di Fosca per gli astri, del resto, non si traduce nella semplice illustrazione di fenomeni astronomici o di figure astrologiche tradizionali, piuttosto la volta celeste diviene per l’artista un fondale sul quale proiettare speranze, ricordi, paure, sogni e desideri. Le costellazioni create da Fosca, infatti, contengono un riflesso autobiografico e perciò si possono considerare anche come psicografie dei suoi stati d’animo. Le sue originali personificazioni dei corpi celesti sono immagini simboliche che alludono, con delicatezza e ironia, a esperienze vissute. Al tempo stesso, però, le stelle introducono in una dimensione alternativa alla realtà.  
  dettagli Fosca Fosca

mostra Magazzino FrancescaLeone

29/05/2024 - 09/09/2024Arte contemporanea

La Piazza - Francesca Leone

Il titolo fa riferimento a un luogo centrale nell’urbanistica di borghi e città. Sin dai tempi delle agorà greche, la piazza è uno spazio attorno al quale si sviluppa e organizza la vita sociale e politica delle comunità. Un luogo creato dall’uomo e per l’uomo, la cui forza centripeta si riflette negli arredi che spesso lo occupano. Monumenti equestri, fontane e obelischi celebrano gesta e imprese di un’umanità che si è garantita benessere e libertà attraverso il controllo e l’oppressione.  
  dettagli Francesca Leone Francesca Leone

mostra GildaLavia StorieIncompiute

28/05/2024 - 29/09/2024Arte contemporanea

Storie incompiute - Marina Paris

L’esposizione si focalizza sul tema dell’incompiuto e attraverso una serie di scatti inediti rende omaggio all’architettura di Luigi Moretti (1907-1973), la cui capacità progettuale e intellettuale era volta ad immaginare la struttura come forma, tramite l’analisi delle relazioni spaziali. Un’installazione ambientale tra coni di luci e fenditure di ombre, ritmata da un sottofondo sonoro progettato dalla stessa artista, conduce il visitatore alla scoperta di spazi irreali ma vivi, composizioni architettoniche che potrebbero essere state ma non lo sono, luoghi che non sono luoghi. Interessata da sempre all’architettura Marina Paris interpreta attraverso il mezzo fotografico la costruzione di uno spazio come modulabile e modificabile, luogo di accadimenti e di sedimentazione del tempo tra uomo e ambiente, metafisica dell’orizzonte intesa come dimensione antropologica per indagare l’esistenza umana.  
  dettagli Marina Paris Marina Paris

mostra TornabuoniArte Mambor

24/05/2024 - 29/09/2024Arte contemporanea

Mambor

La mostra, attraverso una trentina di opere, si propone di presentare il percorso artistico e la pratica di Renato Mambor, “l’artista ‘concettuale’, il più emotivamente raffreddato, entro la cosiddetta Scuola di Piazza del Popolo” (M. G. Messina), evidenziandone i passaggi sostanziali e la coerenza poetica e formale sempre mantenuta dai primi esiti alle ultime produzioni. Pur nella pluralità dei linguaggi utilizzati e nella poliedricità dei suoi intenti, il lavoro di Renato Mambor continuativamente parla di osservazione, linguaggio, comunicabilità e relazione con l’altro.  
  dettagli

mostra RichterFineArt ESeNonRidiNonTiSento

21/05/2024 - 09/09/2024Arte contemporanea

Giulio Catelli, Andrea Grotto, Gianluca di Pasquale - e Se Non Gridi Non Ti Sento, Ridi?

Il titolo della mostra è tratto da un verso del poeta Beppe Salvia (Potenza, 1954 – Roma, 1985), autore di una scrittura trasparente, immediata, ricca di ossimori e solito usare rime brevissime talora filiformi, caratterizzate da una intensa scansione ritmica e dinamica. Tendente a riflettere sulla vanità della vita, intrisa di inquietudini e pudore, i versi di Salvia sono sinonimo di una poesia genuina, ruvida e scabra come un libero corso di sentimenti. A unire le produzioni degli artisti non v’è l’esigenza di definire una tematica particolare, bensì, rispettando le reciproche disparità, alla pari del verso di Salvia, sono uniti da un sentimento a volte gioioso e in altre circostanze malinconico, sintomo comune di una profonda riflessione. Così, le opere in mostra sono unificate dall’essenziale e sintetico verso di Salvia - “e se non gridi non ti sento, ridi?” - a intendere un dialogo interlocutorio immaginario con l’altro, giocato su elementi visivi irrelati e isolati, ricordi di sensazioni che nutrono il pensiero.  
  dettagli

mostra TheGalleryApart AlessandroScarabello

09/05/2024 - 27/07/2024Arte contemporanea

Restless Picture - Alessandro Scarabello

Con la serie Restless Picture, Alessandro Scarabello interroga nuovamente il medium pittorico mettendo in risalto lo stato di trasformazione perpetuo che caratterizza la sua attuale attitudine e dunque la sua ultima produzione di opere. Nel titolo della mostra, è chiaro il riferimento ad un processo osmotico di genesi e disfacimento dell’immagine dipinta. Tra configurazione e riconfigurazione, il tentativo da parte dell’artista è continuare semplicemente a tenerla in vita, quasi come un voler ribadire che la pittura non abbia nulla da promettere eccetto la ragione di esistere nel suo farsi. Queste opere sono senza riposo, “restless”, rese appunto per mezzo di tentativi ripetuti che ricercano la figura e il simbolo nel processo stesso del dipingere. In virtù di questo, ciò che rimane sulla tela può imparare la propria forma e farla esistere nello spazio d’azione fino al proprio eventuale collasso, al di là di qualsiasi compiacimento estetico.  
  dettagli Alessandro Scarabello Alessandro Scarabello

mostra Gagosian OscarMurillo

14/04/2024 - 07/09/2024Arte contemporanea

Oscar Murillo - Marks And Whispers

In Marks and Whispers ogni opera si connota come un segno, richiamando stati di fragilità, disperazione, vulnerabilità e precarietà. Fissati a pareti indipendenti, i dipinti attivano il fulcro ovale della galleria con complesse linee visive, le loro superfici pittoriche stratificate con tinte scarlatte alludono all'angoscia che sottende un mondo privilegiato. Questi riferimenti rispecchiano il processo dialettico della pittura di Murillo che spesso coinvolge l’intuitivo e denso stratificarsi della pittura e la successiva cicatrizzazione della tela. In Marks and Whispers questo intenso trasferimento di energia emerge progressivamente in primo piano nel passaggio da un’opera all'altra.  
  dettagli

Galleria Mucciaccia11/07/2024 - 30/08/2024

mostra galleriaMucciaccia ChiamataAlleArti2024

Chiamata alle Arti - 2024

Open Call – Invito di partecipazione a tutte le Accademie di Belle Arti in Italia Mucciaccia Gallery Project è lieta di annunciare la quarta edizione di Chiamata alle Arti che si terrà durante i mesi estivi di luglio e agosto 2024. Chiamata alle Arti è una mostra collettiva, organizzata in collaborazione con le Accademie di Belle Arti in Italia, un progetto nato nel 2021 per sostenere le Accademie di Belli Arti italiane con l’intento di dare visibilità agli studenti e alla loro creatività artistica. Invitiamo tutte le Accademie di Belle Arti in Italia a presentare un massimo di dieci portfoli di studenti dell’ultimo anno di Triennale, o che stanno frequentando il corso magistrale. Ricordiamo che gli studenti che hanno esposto alle precedenti edizioni non possono partecipare nuovamente.  
dettagli

Sinopia28/06/2024 - 28/09/2024

mostra GalleriaSinopia Elementa

Elementa - Riccardo Monachesi

La Galleria Sinopia, da sempre impegnata nel promuovere e sostenere la scultura in Ceramica, segnala la mostra ELEMENTA che vede l'esposizione, negli ambienti della Certosa di Trisulti, di oltre 400 opere dell'artista Riccardo Monachesi. Una serie di eventi importanti nel mondo dell’arte hanno posizionato, in questi ultimi anni, la scultura in Ceramica al centro di una Storia che la vuole come nuova protagonista di questo tempo e parte di un nuovo fermento culturale.  
dettagli Riccardo Monachesi Riccardo Monachesi

Sala 121/06/2024 - 20/09/2024

mostra Sala1 RingoOfDakar

Sym-ballein - Ringo of Dakar e l'alchimia delle forme

La ricerca estetica di Ringo è ispirata a diverse matrici culturali, sia africane che europee ed asiatiche. La caratteristica principale della sua arte, raffinata e coltissima, consiste nel tentativo di riconciliare due anime eternamente in conflitto, da un lato la rappresentazione della realtà secondo una vena poetica pittorica narrativa, dall’altro l’attenzione alla materia intesa nel suo assetto non descrittivo, puramente simbolico, legato all’energia del gesto, che diventa ricco di un nonsense quasi primigenio, originario. A questo dualismo corrisponde un’idea dell’arte e del fare arte, assolutamente libera ed anticonvenzionale, che può contenere e combinare immagini e riferimenti spesso distanti tra loro, voci e suoni diversi, ma infine comuni a tutto il genere umano. L’artista usa con estrema libertà media e tecniche diverse. Cosi la performance ed i video coesistono con le ceramiche, la fotografia reinventa sé stessa con i video-life, objet trouvé, come i crani di animali recuperati nel deserto africano. I teschi, presenti per la prima volta in questa personale, insieme alle barche che a volte ricordano dei sarcofagi, ci parlano di vite esonerate dalla vita e della necessità di restituire la dignità del lutto ai dispersi ai dimenticati. Il quesito che le opere ci sollecitano è una riflessione su quali vite siano importanti e perciò viventi e quali non lo siano o lo siano solo poiché funzionali al sistema geopolitico esistente.  
dettagli

6° Senso Art Gallery20/06/2024 - 31/07/2024

mostra 6senso Tamburro

Antonio Tamburro - Nuove Opere

Sesto Senso Art Gallery rimarrà aperta per tutto il mese di giugno e luglio. Saranno esposte le nuove opere di Antonio Tamburro tra cui i dipinti su tavola e le grafiche. Da settembre avremo un nuovo calendario espositivo. Antonio Tamburro è nato nel 1948 a Isernia. Frequentò l'Accademia di Belle Arti di Napoli. Si trasferisce a Roma nel 1968 e completa gli studi presso l'Accademia di Belle Arti. A Roma Tamburro inizia ad esporre le sue opere in diverse gallerie prestigiose, riscuotendo un buon successo di pubblico e critica. Ritornò nella sua città natale, nel 1969, dove dipinse un ciclo di affreschi nella Chiesa di San Felice. Tra il 1970 e il 1973 Tamburro frequenta gli ambienti culturali di Roma e Milano, stringendo amicizia con Orfeo Tamburi, Domenico Purificato, Giorgio De Chirico, Fausto Pirandello. La sua prima mostra personale è del 1972 presso il Municipio di Perugia. In questi dipinti c'è il richiamo alle origini, con una colorazione forte e quasi violenta di stampo espressionista. Nel 1974 espone a Milano alla Galleria "La Porta".  
dettagli

Galleria d'Arte F. Russo14/06/2024 - 31/07/2024

mostra GalleriaRusso ArtistRoom

Stanze d'artista

Stanze d'artista è un approfondimento dedicato ad alcuni degli artisti contemporanei che trattiamo in Galleria e che hanno scandito il nostro percorso espositivo. Manuel Felisi, Tommaso Ottieri e Giorgio Tentolini: le loro opere in esposizione esclusiva negli spazi della Galleria Russo per un limitato periodo di tempo.  
dettagli Evento Evento

Richard Saltoun08/06/2024 - 26/07/2024

mostra RichaardSaltoun OneLiners

Romany Eveleigh - One Liners Curated

Richard Saltoun Gallery presenta One Liners, personale dedicata all’ artista minimalista Romany EVELEIGH (1934 - 2020). La mostra è curata dalla storica dell'arte Flavia Frigeri e celebra l'opera dell'artista, romana d'adozione, nel momento della sua partecipazione alla Biennale di Venezia di quest'anno. Nata a Londra, Eveleigh si trasferì a Roma nel 1963 e vi rimase fino alla morte. Ha esposto solo due volte a Roma, ma negli anni Settanta è diventata una figura centrale nella cerchia di scrittori e poeti, tra cui Giorgio Agamben e Patrizia Cavalli. Questa è la sua prima retrospettiva a Roma dopo quasi vent'anni.  
dettagli

Spazio Mecenate30/05/2024 - 31/07/2024

mostra SpazioMecenate MarcoAppicciafuoco

Materia Live - Marco Appicciafuoco

Marco Appicciafuoco è un artista complesso, concepisce l'arte come un modo d'essere più che d'apparire, attento alle tematiche ambientali. Artista completo, padroneggia diverse tecniche, trasformando la ceramica in scultura e design, e fondendo spesso disegno, pittura e scultura, fonte d’ispirazione sempre la sua terra d'origine, l'Abruzzo. La mostra "Materia Live" offre un viaggio emozionante in un percorso di rinascita, attraverso la luce e la materia, con strutture complesse multimateriale, che nascondono simbolicamente la compenetrazione tra la storia dell’uomo (Argilla), l’alterità (Riflessi), la spiritualità (la luce) portando la speranza l’arcobaleno). Circa 22 le opere in mostra che spaziano dalle stampe su alluminio, alla penna pilot nera su carta quadrettata, dal semire, engobbio bianco, vetro, led, al gres, smalti, acrilici, acciaio fused glass, fino acciaio reflex, plastica crystall e vetro, in un mix & match di materiali di indiscusso impatto visivo ed artistico, che caratterizza il gesto artistico di Appicciafuoco.  
dettagli

z2o09/05/2024 - 31/07/2024

mostra z2o PocaNotte

Poca notte - Michele Tocca

Poca notte, la prima personale di Michele Tocca nel nuovo spazio della galleria Sara Zanin, sembra rinviare, attraverso il titolo e ogni dipinto in mostra, a un momento della giornata, a cui corrisponde una particolare condizione del vedere. Un tempo intermedio tra notte e giorno, quando i primi bagliori e accensioni di luce aprono la visione, prima fiocamente, per poi risuonare nel buio. “È la dimensione ideale del quasi niente – ha scritto una volta Michele – dove 'tutto' è ancora da guadagnare, rubare - anche la luce lontana, i raggi, un mezzo lampo che lampo non è. Poi arriva l'alba, quella sensazione di stupido crescendo, con questa parola inglese bellissima che in italiano non esiste: incremental.” Su questo “incremental”, debbo dire, Michele ha rimuginato parecchio. Esiste in italiano una parola altrettanto bella che condensi il senso di questa condizione del vedere, di questa graduale, felpata crescita di luce che la mostra vuole raccontare? Forse no, non esiste.  
dettagli

EX ELETTROFONICA08/05/2024 - 26/09/2024

mostra ExElettrofonica ElenaMazzi

Elena Mazzi - Swim /die /swim

In questa esposizione, l’artista presenta un percorso site-specific che esplora il rapporto tra l’uomo e l’ambiente, dove ricorre lo scenario acquatico sia naturale sia in forma artificiale. Le opere in mostra sono unite da un tema centrale: lo scheletro, che funge da elemento portante e struttura di supporto, permeando sia la ricerca artistica di Mazzi che la sua esperienza personale. Dai recuperi delle vertebre dei cetacei allo studio delle spugne marine nel mare, fino all’esplorazione architettonica delle planimetrie delle piscine come luogo di riabilitazione e riflessione sulla percezione del corpo umano. Disegni, fotografie, oggetti scultorei e installazioni prendono vita da questa ispirazione, combinando forme astratte e antropomorfe in una nuova configurazione espositiva che riflette il percorso artistico di Mazzi negli ultimi anni. Corpi animali abbandonati nel paesaggio si alternano a figure invisibili, creando un dialogo evocativo con le strutture scheletriche di cetacei e spugne, e trasmettendo storie di pratiche di cura legate all’acqua.  
dettagli Elena Mazzi Elena Mazzi

1/9unosunove07/05/2024 - 31/08/2024

mostra Unosunove UltimoInvitato

L’Ultimo Invitato

Doppia personale di Luca Grimaldi e Giulio Bensasson – Curata da Giulia Tornesello. L’esposizione è lo spaccato di una società senza tempo, una celebrazione in pompa magna del nulla. Si è immersi in un’Arcadia dei vinti in cui la natura è ostentata e la fede è riposta ormai altrove, dove il contemporaneo disilluso erige altari votivi a quel che rimane e festeggia come può. Nelle opere inedite esposte in mostra un decorativismo volutamente eccessivo e grottesco incornicia un’icona, sacralizzandola. Il quotidiano da cui arbitrariamente o inconsciamente allontaniamo lo sguardo viene posto al centro dell’opera acquisendo nuovo significato e forzando lo spettatore al confronto.  
dettagli

Erica Ravenna Arte Contemporanea12/03/2024 - 15/07/2024

mostra EricaRavenna UnaMacchina

Vincenzo Agnetti - Tomaso Binga | Una macchina è una macchina

Erano gli anni della sperimentazione, dell’avvento di materiali extra-artistici e di più aggiornate tecnologie, che hanno ispirato e influenzato la ricerca nell’ambito dei nuovi linguaggi dell’arte. Tra i vari supporti meccanici e tecnologici, la macchina da scrivere ha costituito uno degli strumenti che numerosi artisti, nei decenni ’60 e ‘70, hanno utilizzato per la realizzazione delle loro opere. Il noto saggio The Art of Typewriting a cura di Ruth e Marvin Sackner, ne traccia una rassegna all’interno della quale figura Tomaso Binga – artista legata alla galleria stabilmente da lungo tempo - con i suoi Dattilocodici realizzati con un’Olivetti lettera32. Da un errore di battitura di due tasti contemporaneamente, è generato un segno che a sua volta, attraverso la scelta compositiva dell’artista, darà luogo a un criptico codice linguistico e a originali immagini.  
dettagli