ROMArtguide.it MOSTRE / EVENTI: Istituti stranieri

Mostre d'arte nelle Accademie e negli Istituti stranieri a Roma

Cultura internazionale a Roma

Questa pagina è interamente dedicata alle attività, mostre, eventi svolte dalle accademie straniere a Roma nel campo dell'arte.
Desideriamo ringraziare: Accademia Belgica, Accademia Britannica, Accademia d’Egitto, Accademia d’Ungheria in Roma, Accademia di Danimarca, Accademia di Francia – Villa Medici, Accademia di Romania, Accademia Polacca, Accademia Tedesca - Villa Massimo, Ambasciata del Messico, Ambasciata di Israele, American Academy in Rome, Bibliotheca Hertziana – Max-Planck-Institut, British Council, Casa Argentina, Centro Culturale Brasile Italia, Circolo Scandinavo, Accademia di Spagna, Forum Austriaco di Cultura, Goethe-Institut, Institutum Romanum Finlandiae, Istituto Bulgaro di Cultura a Roma, Istituto Cervantes, Istituto Culturale Ceco, Istituto di Cultura e Lingua Russa, Istituto di Norvegia in Roma, Istituto Giapponese di Cultura, Istituto Italo-Latino Americano - IILA, Istituto Polacco di Roma, Istituto Slovacco a Roma, Istituto Storico austriaco, Istituto Svedese di Studi Classici, Istituto Svizzero di Roma, Reale Istituto Neerlandese a Roma, per le informazioni che ci comunicano costantemente.

Instituto Cervantes mostra IstitutoCervantes ConoOmbraLuce

02/02/2023 - 03/03/2023Arte contemporanea

Cono d'ombra e luce

Nella sua politica di collaborazione con le ambasciate latinoamericane in Italia e in risposta a uno degli obiettivi centrali della missione dell'Istituto Cervantes come catalizzatore di culture in lingua spagnola, l'Istituto Cervantes di Roma presenta questa mostra retrospettiva dell'artista uruguaiano Miguel Fabruccini, organizzata in collaborazione con l'Ambasciata dell'Uruguay in Italia e il Centro Studi Eielson di Firenze.. dettagli

Istituto Giapponese di Cultura mostra IstitutoGiapponese IrisZucca

26/01/2023 - 21/04/2023Arte contemporanea

L'Iris e la Zucca

Collezione e ikebana all’Istituto Giapponese di Cultura. Ci vuole un fiore, anzi un ikebana ispirato, per celebrare i 60 anni dell’Istituto Giapponese di Cultura. Focus su 24 opere, a cominciare da Iris di Yamaguchi Hōshun e Zucca di Kusama Yayoi, per percorrere soavemente sessanta anni e più di vita e cultura del più giovane istituto della Valle delle Accademie, ovvero Valle Giulia a Roma. A corredo, foto e documenti d’epoca sui primi passi, il modello originale di edificio e giardino e gli ikebana delle tre scuole Ikenobo, Ohara e Sōgetsu che trarranno ispirazione dalle opere in mostra, a firma dei maggiori artisti moderni e contemporanei del Giappone, come Munakata Shikō, Ikeda Masuo, Dōmoto Inshō, Yokoo Tadanori, Lee U Fan e Teshigahara Sōfu.. dettagli

Accademia d'Ungheria in Roma mostra AccademiaUngheria Vasari

24/11/2022 - 24/02/2023Arte contemporanea

Giorgio Vasari: L' Annunciazione di Szeged

Il capolavoro manierista dalla sorte misteriosa, dopo ben duecento anni torna dall’Ungheria (dal Museo Móra Ferenc di Szeged) in Italia. La tavola in legno di notevoli dimensioni, realizzata attorno al 1570/71, è attribuita a Giorgio Vasari, celebre artista, architetto e storiografo, nonché degli artisti della sua bottega romana. L’Annunciazione originariamente fece parte di una serie di quattro tondi in tavola destinati alla Cappella di San Michele di Torre Pia in Vaticano, all’epoca considerato quale cuore dello Stato Pontificio. Il tondo volto a decorare il peduccio nord-ovest della cupola, analogamente agli altri tre tondi collocati nella volta della cupola, corrispondeva al concetto iconografico commissionato dal papa ovvero raffigurava delle virtù angeliche. I quattro tondi di cui sopra, col tempo si dispersero, sia per via delle requisizioni delle truppe napoleoniche (1789, 1808) sia per i lavori di ristrutturazione degli appartamenti papali, incominciati nel 1815.. dettagli

Accademia d'Ungheria in Roma mostra AccademiaUngheria LassuQuaggiu

24/11/2022 - 24/02/2023Arte contemporanea

Lassù e quaggiù

Parallelamente alla mostra di Giorgio Vasari, L’Annunciazione di Szeged, allestita presso la Galleria di Palazzo Falconieri, gli interessati potranno visitare anche la mostra intitolata Lassù e quaggiù sul Piano Nobile dello stesso edificio. Quest’ultima esposizione che comprende le opere di tre artisti ungheresi, farà non solo da cornice all’Annunciazione del noto maestro italiano, bensì offrirà un valido confronto circa la trasformazione dell’iconografia cristiana tradizionale che nel tempo tende a divenire irriconoscibile se non addirittura a scomparire. Nelle opere esposte, gli artisti mostrano la loro sensibilità verso il sacro con dei riferimenti al loro vissuto personale.. dettagli

Accademia D’Egitto mostra AccademiaEgitto 100AnniTutankhamon

04/11/2022 - 04/11/2023Arte contemporanea

100 anni dalla scoperta della Tomba di Tutankhamon

Era il 4 Novembre del 1922 quando Howard Carter e Lord Carnarvon scostavano la prima pietra che bloccava l’entrata alla Tomba del giovane faraone. Oltre quella pietra i primi passi che gli permisero poi di intravedere il più favoloso tesoro funebre di tutta l’antichità e di penetrare i segreti della Tomba del faraone dorato, consegnando all’umanità una delle più sensazionali scoperte archeologiche. E come inaugurare al meglio la nuova stagione culturale se non celebrando questa meravigliosa ricorrenza? Per un tema così affascinante avremo l’onore di un relatore d’eccezione, il famoso giornalista e scrittore Roberto Giacobbo che ci accompagnerà in un viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta dei misteri che avvolgono la figura del celebre faraone, con la sua conferenza: “Tutankhamon... 100 anni”.. dettagli

Accademia D’Egitto mostra AccademiaEgitto Tutankhamon

Mostra permanenteArte contemporanea

Mostra Di Tutankhamon

All’interno del Museo Egizio troverai riproduzioni uniche e non replicabili del corredo appartenente alla Tomba di Tutankhamon.. dettagli

Istituto Svizzero mostra IstitutoSvizzero ArcobalenoRiposaSullaStrada

28/10/2022 - 12/02/2023Arte contemporanea

L’arcobaleno riposa sulla strada

«Quando qualcuno parla una lingua propria, nuova, che nessuno ancora capisce, a volte deve aspettare a lungo prima di sentirne l’eco» — Meret Oppenheim (1913-85) in occasione del suo discorso al Premio d’arte di Basilea del 1975. Sulla scia delle retrospettive, quasi onnipresenti, dedicate all’artista svizzera Meret Oppenheim, la mostra romana L’arcobaleno riposa sulla strada (il titolo deriva da una poesia scritta dall’artista nel 1933) indaga proprio questa eco. Una selezione di opere di Meret Oppenheim viene messa in dialogo con lavori di artiste e artisti di una generazione recente. La coraggiosa personalità di Meret Oppenheim, la sua visione del mondo e la pratica artistica, continuano ad affascinare ancora oggi: l’esplorazione del subconscio, dei sogni, del legame tra creazione visiva e lirica, la riflessione sulla propria posizione di ‘artista donna tra gli artisti’ (come scrisse ai genitori negli anni Trenta) e la sua partecipazione attiva ai dibattiti femministi degli anni successivi, sono temi ancora oggi molto attuali nel panorama artistico contemporaneo. Le artiste e gli artisti invitate/i alla mostra – Pascale Birchler, Miriam Laura Leonardi, Hunter Longe, Lou Masduraud, Luzie Meyer e Ser Serpas – presentano opere nuove e già esistenti in risposta a queste tematiche, generando una sorta di ‘rilettura’ della poetica di Meret Oppenheim.. dettagli